Tamponi in farmacia, lunghe code per tutti

Pubblicato il 27 dicembre 2021 • Comune , Salute

A poche ore dalla decisione di limitare il servizio ai soli residenti, ATS chiede al Comune di Buccinasco di continuare con gli sforzi delle ultime settimane. Il sindaco Pruiti: “Avrei voluto tutelare i miei cittadini ma di fronte al potere regionale, devo fare un passo indietro nonostante i tempi di attesa di ore. Continueremo comunque a fare il possibile per garantire un buon servizio”

 

Buccinasco (27 dicembre 2021) – Un’altra giornata difficile oggi presso la Farmacia comunale di via Marzabotto che tutti i giorni garantisce il servizio di tamponi rapidi senza appuntamento dalle 8.30 alle 18.30. Lunghissime code, ore di attesa, proteste da parte di chi non è riuscito a fare il tampone con insulti al personale, interventi della Polizia locale. 

Proprio per evitare questi disagi, questa mattina l’Amministrazione comunale in accordo con la farmacia aveva comunicato di voler riservare il servizio ai soli residenti di Buccinasco dal 1° gennaio 2022. MA non è possibile, ATS – Regione Lombardia ha chiesto a Buccinasco di continuare con gli enormi sforzi delle ultime settimane, quindi il servizio continuerà a essere aperto a tutti gli utenti del territorio. 

“Anche oggi – dichiara il sindaco Rino Pruiti – le lunghe code e l’insofferenza di tanti utenti (in qualche caso anche maleducati e violenti) ci hanno dimostrato che la situazione è diventata molto molto faticosa, se non insostenibile. Avrei voluto tutelare i cittadini di Buccinasco ma di fronte alla richiesta di ATS non posso che fare un passo indietro e continuare a chiedere a farmacisti, infermieri e volontari ulteriori sforzi, finché ci riusciranno. Valuteremo insieme se interrompere il servizio”. 

“ATS ci chiede un impegno – continua Pruiti – e noi con grande senso del dovere anche in questa occasione ci mettiamo a disposizione. A nostra volta, però, e a nome di tutta la nostra cittadinanza, chiediamo ad ATS di fare il proprio dovere, rispondere ai cittadini che hanno necessità di tamponi molecolari, permettere ai medici di base e ai pediatri di consentire ai propri utenti l’accesso agli hub vaccinali senza ore e ore di coda al freddo, non abbandonare ragazzi disabili senza tampone come accade oggi. Noi ci siamo, gli altri dove sono?”. 


Ufficio stampa Comune di Buccinasco