Buccinasco, il Comune illuminato per le malattie rare

Pubblicato il 22 febbraio 2022 • Associazionismo , Comune , Salute

Fino a lunedì 28 febbraio, il Palazzo comunale si tinge di viola, azzurro e verde per sensibilizzare la comunità. La scorsa settimana abbiamo focalizzato l’attenzione sulla sindrome di Angelman, in questi giorni ci dedichiamo a tutte le malattie rare, ricordando in particole la glicogenosi con la presenza sul territorio di Buccinasco dell’Associazione AIG

Buccinasco (22 febbraio 2022) – In tutto il mondo sono oltre 300 milioni le persone con una malattia rara, in Italia sono circa 1 milione e 300 mila persone e di queste 1 su 5 è un bambino. 

Il 28 febbraio si celebra la Giornata mondiale delle malattie rare, nata per sensibilizzare sul tema e impegnare i decisori politici a migliorare le condizioni di vita delle persone e delle famiglie che si trovano ad affrontare una malattia rara, ognuno per il proprio campo di competenza. 
Buccinasco ricorda questa giornata colorando il Palazzo comunale di viola, azzurro e verde impegnando tutta la comunità a fare la propria parte. Il Municipio sarà illuminato per tutta la settimana proprio per sensibilizzare tutta la popolazione. 

“Una malatta si definisce rara – spiega Grazia Campese, assessora alla Politica per la promozione della salute e per la prevenzione – quando colpisce cinque individui ogni 10 mila persone. Si conoscono tra le 6 mila e le 8 mila malattie rare, molto diverse tra loro ma spesso con problemi comuni nella diagnosi, nella mancanza di una cura e anche di assistenza ai pazienti e alle famiglie. È dunque importante tenere alta l’attenzione e investire sulla ricerca scientifica e sul sistema del welfare. La scorsa settimana abbiamo ricordato in particolare la sindrome di Angelman. Con i colori viola, azzurro e verde vogliamo porre l’attenzione anche su tutte le altre, segnalando in particolare le glicogenosi. A Buccinasco e nel territorio, infatti, è particolarmente attiva l’Associazione Italiana Glicogenosi numerose iniziative proprio per tenere sempre alta l’attenzione proprio su queste malattie rare, sostenere la ricerca scientifica e supportare le famiglie in modo che non siano isolate”. 

 

Ufficio stampa Comune di Buccinasco