Regione Lombardia

La mafia uccide, il silenzio pure

Pubblicato il 4 marzo 2019 • Buccinasco contro le mafie

Con le parole di Peppino Impastato, al via la settima edizione del festival culturale “Buccinasco contro le mafie”. Primo appuntamento sabato 9 marzo alle 11 con l’inaugurazione di un murale a cura di Giovanni Beretta in collaborazione con Retake Buccinasco e Retake Palermo

Buccinasco, MI (4 marzo 2019) – Il volontariato, la memoria e l’impegno, il cinema, il teatro, i dibattiti con giornalisti e magistrati. Linguaggi diversi, storie di lotte e impegno civile.

Al via sabato 9 marzo la settima edizione di “Buccinasco contro le mafie”, il festival culturale organizzato dall’assessorato alla Cultura antimafia del Comune di Buccinasco (Mi) per dire a chiare lettere da che parte sta la città. Contro le mafie. Le mafie che vanno raccontate, conosciute, viste: per non avere scuse, non potersi voltare dall’altra parte, non restare zitti. Perché, come diceva Peppino Impastato: “La mafia uccide, il silenzio pure”.

“Dal 2013 decine di iniziative – spiega l’assessora alla Cultura antimafia Rosa Palone – hanno contribuito a sensibilizzare migliaia di persone del nostro territorio: abbiamo ospitato magistrati e giornalisti, organizzato corsi per i dipendenti comunali, dedicato alle vittime innocenti delle mafie opere d’arte e pannelli informativi, aperto alla cittadinanza i beni confiscati, decine di iniziative per tenere sempre alta l’attenzione sulla lotta alla ‘ndrangheta. Abbiamo voluto dedicare l’edizione di quest’anno a Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978. A lui sarà dedicato in particolare l’evento di apertura della rassegna, inaugureremo un murale insieme alle associazioni Retake Buccinasco e Retake Palermo, impegnate nella lotta contro il degrado, nella valorizzazione dei beni pubblici e nella diffusione del senso civico sul territorio”.

“La mafia – aggiunge il sindaco Rino Pruiti – fa schifo. Non lo Stato, non le istituzioni, che la lotta alla mafia la devono fare seriamente, ogni giorno, tenendo la schiena dritta e facendo rispettare le regole a tutti, nell’azione amministrativa e nella vita di tutti i giorni. Abbiamo il dovere di diffondere tra i giovani la cultura della legalità, perciò dobbiamo essere impeccabili, senza mai lasciare spazio alle ambiguità”.

“Anche quest’anno – prosegue l’assessora Palone – il maggior impegno economico della rassegna è dedicato alle scuole. Per i ragazzi di prima media è già andato in scena lo spettacolo ‘U parrinu. La mia storia con Padre Pino Puglisi ucciso dalla mafia”, di e con il bravissimo Christian Di Domenico. Gli studenti di terza media invece incontreranno il giudice Stefano Ammendola della Direzione distrettuale antimafia di Milano e i più piccoli delle primarie, come gli anni scorsi, svolgeranno laboratori sulle regole, il senso dell’educazione alla cittadinanza e alla giustizia a cura delle scuole e delle associazioni Mitades e Valeria.

Di grande spessore anche il programma aperto a tutta la cittadinanza, con spettacoli, incontri, film e come da tradizione la lettura dei nomi delle vittime innocenti di tutte le mafie.

9 marzo ore 11
Parco Spina Azzurra – via Grancino
SE SI INSEGNASSE LA BELLEZZA ALLA GENTE…
Inaugurazione murale dedicato a Peppino Impastato a cura di Giovanni Beretta in arte Berets, in collaborazione con Retake Buccinasco e Retake Palermo, con la partecipazione  di Rebecca Spitzmiller, fondatrice di Retake, Lorenzo Ciociola, presidente di Retake Buccinasco e il presidente di Retake Palermo Marco D’Amico, a testimoniare l’impegno di tanti volontari che non si rassegnano al degrado.

Seguirà colazione

21 marzo ore 18.30
Biblioteca comunale – via Fagnana 6
MEMORIA E IMPEGNO
Lettura dei nomi delle vittime delle mafie con l’accompagnamento musicale del Maestro Francesco Cordeo della Scuola di Civica di Musica “Alda Merini”.
Per partecipare come lettori scrivere a ufficio.stampa@comune.buccinasco.mi.it entro il 18 marzo.

22 marzo ore 21
Auditorium Fagnana – via Tiziano 7
LA NOSTRA TERRA
Proiezione del film di Giulio Manfredonia, con dibattito a cura di Pino Nuccio (Ass. Gli Adulti)

24 marzo ore 17
Biblioteca comunale – via Fagnana 6
LUNGA È LA NOTTE
Spettacolo a cura della Compagnia dei Gelosi Il racconto di alcune stragi di mafia che hanno caratterizzato i drammatici anni ’80 e ’90 in Italia, attraverso il ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici, don Pino Puglisi, Peppino Impastato, Rita Atria e altre vittime di mafia.

10 aprile ore 21
Cascina Robbiolo – via Aldo Moro 7
QUANDO IN COMUNE COMANDA LA MAFIA
Gli enti locali sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata. Incontro patrocinato da Avviso Pubblico, con Alessandra Dolci (DDA Lombardia) e Gian Antonio Girelli (Avviso Pubblico Lombardia). Coordina Giuseppe Mendicino.

10 maggio ore 21
Cascina Robbiolo – via Aldo Moro 7
DIALOGO TRA SANDRO RUOTOLO E GIOVANNI TIZIAN
Il sistema mafioso tra omicidi, minacce e vincoli di sangue Sandro Ruotolo, giornalista minacciato dalla camorra per le sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania, e Giovanni Tizian, giornalista del settimanale “L’Espresso” autore del libro “Rinnega tuo padre” si confrontano

28 settembre ore 21
Auditorium Fagnana – via Tiziano 7
LA FORZA DI UN NO – La storia di Giorgio Ambrosoli
Artènergia presenta il reading teatrale tratto da “La Scelta” di Gianluca Buttolo, regia di Alessandro Castellucci, produzione Macro Maudit. A 40 anni dal suo omicidio (12 luglio 1979), la vicenda umana e professionale dell’avvocato Giorgio Ambrosoli, curatore del fallimento della Banca Privata Italiana del banchiere Michele Sindona. Dibattito con Francesca Ambrosoli.

Tutti gli eventi sono gratuiti

Manifesto Buccinasco contro le mafie

Allegato 855.00 KB formato pdf
Scarica