Ristorazione scolastica Buccinasco, il TAR dà ragione al Comune

Pubblicato il 18 luglio 2022 • Comune , Scuola

Secondo il Tribunale amministrativo regionale, l’Amministrazione comunale ha fatto bene ad annullare la gara per il servizio mensa dopo gli arresti dello scorso maggio. Respinto il ricorso della società seconda classificata che chiedeva l’affidamento del servizio


Buccinasco (18 luglio 2022) – Il Comune di Buccinasco ha agito correttamente in autotutela e nell’interesse della cittadinanza. Lo ha stabilito il TAR (Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia) che ha respinto il ricorso della società classificata seconda nella gara per la ristorazione scolastica, come è noto oggetto di indagine penale. 
In seguito all’ordinanza di custodia cautelare dello scorso 3 maggio, l’Amministrazione comunale ha deciso di annullare la gara a cui avevano partecipato due operatori. L’ordinanza infatti si fondava su ipotesi di reato che coinvolgono un funzionario comunale, una componente esterna della commissione di gara e l’azienda che si è aggiudicata l’appalto. Secondo il Comune, quindi, non era possibile conferire il servizio al secondo operatore perché la gara era stata alterata. 

La procedura seguita dal Comune secondo il TAR è corretta perché le intercettazioni e l’analitica ricostruzione della vicenda evidenziano un quadro indiziario grave, secondo cui l’accordo illecito tra il funzionario comunale, i rappresentanti dell’operatore risultato vincitore e due componenti della commissione giudicatrice ha inciso sullo svolgimento della procedura e sulla stessa elaborazione del capitolato di gara. 

“L’ordinanza del TAR – dichiara il sindaco Rino Pruiti – dimostra che il Comune sta agendo in modo corretto a tutela dell’interesse pubblico. Abbiamo annullato la gara e subito indetto una nuova procedura con l’obiettivo di garantire a settembre il servizio di ristorazione scolastica ai nostri studenti.  Dobbiamo agire in modo tempestivo, ineccepibile e secondo le regole: ora chiunque ha i requisiti potrà partecipare alla gara”. 

La società ricorrente dovrà ora pagare la spese di 2 mila euro oltre accessori di legge.  


Ufficio stampa Comune di Buccinasco