Regione Lombardia

Rete fognaria, ordinanza per chi non rispetta la legge!

Pubblicato il 16 aprile 2019 • Ambiente , Comune

I condomini di via Cascina Molino Bruciato devono provvedere entro 30 giorni all’allacciamento così come hanno già provveduto i residenti di altre vie di Buccinasco a cui è stato inviato l’avviso 

Buccinasco (16 aprile 2019) – Non si può più attendere, tutte le residenze di Buccinasco hanno l’obbligo di provvedere all’allacciamento alla rete fognaria e dismettere l’eventuale fossa biologica, nel rispetto della normative. 
Devono provvedere anche i condomini di via Cascina Molino Bruciato che, al contrario dei residenti in altre vie, non hanno risposto all’avviso inviato dal Comune (“avvio di procedimento”). 

“Fino ad oggi – spiega il sindaco Rino Pruiti – non è stata presentata alcuna documentazione né è stata richiesta una proroga per predisporre l’allacciamento. Oggi quindi ho firmato un’Ordinanza obbligando all’allacciamento entro 30 giorni: è una questione di civiltà e di tutela ambientale, oltre che un obbligo di legge. I nostri uffici hanno provveduto a inviare le opportune comunicazioni agli interessati, in molti casi i cittadini e amministratori sono stati ricevuti in Comune, hanno avuto incontri con i tecnici di CAP, abbiamo ragionato insieme e hanno provveduto. Da via Cascina Molino Bruciato non abbiamo avuto nemmeno una risposta”. 

Il Gruppo CAP, ente gestore della rete fognaria comunale, nel mese di febbraio ha inviato una nota all’Amministrazione comunale, comunicando di aver ultimato già nel mese di novembre 2018 le infrastrutture da utilizzare per il collegamento dei reflui civili. Gli uffici comunali, quindi, hanno avviato un procedimento amministrativo (in data 7 marzo) per richiedere a tutti i proprietari degli immobili di via Cascina Molino Bruciato la documentazione comprovante l’avvenuto allacciamento o la richiesta di parere alla società Amiacque sulla conformità del progetto predisposto per l’allacciamento alla pubblica fognatura. 

Hanno tutti provveduto all’allacciamento, invece, i residenti di via Val d’Ossola, così come quasi tutti i cittadini di via 1° Maggio. È stato intanto avviato il procedimento per via Calatafimi e via Palermo. Scaduto per via Morandi 3, il condominio ha chiesto una proroga: l’intervento è molto importante perché fino ad oggi lo scarico avviene direttamente nella Roggia Brianzona.  

Ufficio stampa Comune di Buccinasco