Regione Lombardia

Buccinasco, In Largo Brugnatelli capannone usato come abitazione

Pubblicato il 22 agosto 2019 • Comune

In seguito a un sopralluogo dei tecnici comunali e della Polizia locale, il sindaco Rino Pruiti ha firmato un’ordinanza per lo sgombero dei locali utilizzati per attività diverse da quanto previsto dalla concessione edilizia

Buccinasco (22 agosto 2019) – Un nuovo caso di utilizzo improprio di un capannone a Buccinasco scoperto dal personale del Servizio Urbanistica ed Edilizia del Comune che lo scorso 19 agosto ha effettuato un sopralluogo presso l’immobile di Largo Brugnatelli 13, con il supporto degli agenti della Polizia Locale e dei Carabinieri.

Il fabbricato, autorizzato per un’attività produttiva, veniva utilizzato non solo come pelletteria (come dichiarato) ma anche come abitazione. I tecnici comunali infatti hanno rilevato al piano superiore del capannone locali cucina e stanze da letto realizzate anche mediante la formazione di pareti in legno e materiali di risulta. Trovati inoltre numerosi indumenti e giacigli, bombole gas/gpl accatastate all’ingresso della scala che porta al piano superiore, recipienti contenenti liquidi infiammabili e sostanze chimiche non etichettate, impianti elettrici e di condizionamento privi di idonea certificazione e posati in maniera approssimativa.

“Ho firmato subito un’ordinanza di sgombero – spiega il sindaco Rino Pruiti – visto l’uso improprio dei locali e considerando le scarse condizioni di sicurezza e igienico-sanitarie degli ambienti, anche per la probabile presenza dei minori: durante il sopralluogo infatti sono stati trovati giochi e alimenti per bambini. Una situazione non tollerabile, molto simile a quanto abbiamo rilevato dieci giorni fa in via Bodoni e mesi fa in via della Resistenza”. 

In quest’ultimo caso il sindaco – si legge nell’ordinanza n. 30/2019 – ordina alla Alex Pelletteria srl nella persona del sig. Cheng Xing Hua (in qualità di legale rappresentante) e a tutti gli occupanti dell’immobile sito in Largo Brugnatelli 13 di sgomberare entro 48 ore i locali attualmente adibiti ai fini abitativi, attuando interventi volti a impedire l’utilizzo dell’immobile per attività diverse da quanto previsto dalla concessione edilizia.

“Ringrazio ancora volta i Carabinieri di Buccinasco e il nostro personale comunale – conclude il sindaco Pruiti – per il controllo accurato del territorio: la collaborazione è fondamentale per assicurare il rispetto delle leggi. Ora chiediamo che le autorità competenti indaghino perché appare probabile una regia dietro l’utilizzo improprio degli immobili e lo sfruttamento dei lavoratori stranieri”.

Ufficio stampa Comune di Buccinasco