Mercato delle pulci a Buccinasco: facciamo chiarezza

Pubblicato il 18 febbraio 2020 • Commercio

L’appuntamento mensile va regolarizzato secondo la normativa come conferma Regione Lombardia. Hobbisti e antiquari potranno partecipare al bando per un rinnovato mercatino dell’usato con la vendita di merce dedicata al riciclo, non di tipo commerciale

Buccinasco (18 febbraio 2020) – A Romano Banco il mercato degli hobbisti, dell’antiquariato, del brocantage e dell’usato potrà continuare a svolgersi mensilmente. È la volontà del Comune, più volte espressa agli organizzatori del mercato “Pulci e non solo…” che invece – lo hanno annunciato ai giornali senza alcuna comunicazione ufficiale al Comune – dal mese di marzo non saranno presenti a Buccinasco.

"Il mercato mensile ‘Pulci e non solo’ – dichiara il sindaco Rino Pruiti – come ben sanno gli organizzatori deve rispettare la normativa regionale: da mesi è aperto un dialogo tra loro e i nostri uffici che, scaduta la convenzione, si stanno adoperando per mantenere a Romano Banco uno spazio dedicato agli hobbisti e agli antiquari attraverso un bando pubblico. In modo analogo proprio in questi giorni abbiamo aperto il bando per l'istituzione del nuovo mercato settimanale in via Lomellina". 

"Non ci sono altre strade –  prosegue il primo cittadino – e non ci sono altre possibili interpretazioni, come dichiarano gli organizzatori alla stampa. La normativa parla chiaro e lo conferma Regione Lombardia. Abbiamo intenzione di offrire ad antiquari e hobbisti di rinnovare la presenza sul nostro territorio, in modo legittimo così come prescrive la legge regionale: i nostri uffici, per scrupolo, hanno anche inviato un quesito a Regione Lombardia che ha confermato la necessità di procedere con un bando anche per il mercato dell'usato (con la vendita di merce usata dedicata al riciclo) e degli hobbisti, non di tipo commerciale. Gli espositori già presenti al mercato 'Pulci e non solo' che posseggono i requisiti potranno partecipare senza alcun problema e il mercato resterà vivo. Da parte nostra non c'è alcuna chiusura, non ci sono dissidi tra Comune e organizzatori né ‘interpretazioni grottesche della normativa”: solo la volontà di rispettare le leggi. La ‘legalità’ non vale solo quando si parla di lotta alla mafia, il rispetto delle regole deve valere per tutti". 


Ufficio stampa Comune di Buccinasco